Ci hai mai pensato? Alla fine tutto si riduce alla disponibilità o necessità di soldi, tempo e competenze. La maggiore disponibilità dell’una può facilitare il reperimento delle altre risorse, ma è la combinazione delle tre che permette di realizzare ogni impresa o progetto.

Grazie al modello innovativo dello #sharingcompetencies, /BeyondTheBox – uno dei nostri sponsor – rende finalmente possibile accedere a competenze, anche impiegando un budget limitato di soldi e tempo. A chi ha ideato qualcosa che crea valore non mancheranno più le competenze per realizzarla!

Ma come farti trovare esattamente quelle competenze che ti servono?

Abbiamo creato un vero e proprio mercato delle competenze, alternativo a quello del lavoro” risponde Aleksandra Maravic, uno dei nostri speaker a Heores 2019 e CEO di /BeyondTheBox.La nostra intelligenza artificiale realizza l’incontro fra descrizione dell’attività da svolgere e attestazione delle competenze, a livello logico e semantico. Chi cerca competenze per una determinata attività incontrerà solo le persone che hanno scoperto il proprio valore professionale nella capacità di aiutare qualcun altro a fare bene proprio quell’attività”. Nessun elemento potenzialmente discriminatorio come età, sesso, genere, precedenti esperienze lavorative concorre all’individuazione delle competenze. Alle persone non sarà più negata la possibilità di condividere le proprie competenze ed essere remunerato per questo.

Ecco come avviene lo sharing delle competenze.

Al blog di https://beyondthebox.it/ è affidato il compito di far scoprire il modello culturale e di business dello #sharingcompetencies e di come questo sia finalmente in grado di eliminare inefficienze e discriminazioni, anche involontarie, del mercato del lavoro, facilitando la condivisione di competenze tra persone.

Dallo stesso sito è già possibile accedere alla beta della piattaforma e effettuare l’iscrizione (gratuita, per l’intero periodo di lancio). Ciascuno può sia offrire che richiedere competenze, attivando il rispettivo profilo, con qualsiasi profilo fiscale: privato, professionista, dipendente di azienda. Non si caricano CV, non si spuntano “liste” di competenze, non si compilano job description, non si sfogliano bacheche di annunci e profili con le stelline: “Non siamo intermediari, anzi li eliminiamo. Non facciamo selezione, ma inclusione. Non agiamo nelle inefficienze del mercato del lavoro, ma ne rappresentiamo l’alternativa” ci dice Massimo Ciccarone, uno dei nostri Speaker di Heroes 2019 e co-fondatore di /BeyondTheBox.

Chi decide di offrire le sue competenze è guidato in un percorso di self-assessment nel quale identifica la sua “offerta di valore” combinando le proprie COMPETENZE, le ATTIVITA’ nelle quali le usa e CHI è in grado di aiutare a raggiungere quale RISULTATO. Gli inserimenti sono validati dal nostro team prima,  concettualizzati e classificati per ontologie e poi analizzati dalla IA per il matching.

Lo sharing delle competenze avviene “on-line” durante video call della durata di 20 o 40 minuti. Ad organizzare e ospitare la videocall, ci pensa /BeyondTheBox. A remunerare l’offerente con un compenso fisso è invece, tramite la piattaforma, direttamente la persona che è stata aiutata.

Per oltre 50 anni abbiamo interagito in un mercato in cui domanda e offerta sono rappresentate da datori di lavoro e lavoratori che si incontrano sulla base di salario pagato dagli uni e tempo dedicato dagli altri. Ci si apre ora uno scenario alternativo in cui salario e tempo sono fisse e non più variabili dell’equazione: uno scenario che offre alle persone un mercato aperto, etico, connesso e inclusivo per accedere alle competenze degli altri e condividere le proprie.

Dovremmo tutti dunque lasciare il lavoro tradizionale e vivere di #sharingcompetencies?

Quella offerta da /BeyondTheBox è un’alternativa. Chiunque sia insoddisfatto dell’attuale lavoro, stanco dei meccanismi di carriera tradizionali e pronto a ricevere un compenso dalla persona che ha aiutato (invece che un salario dal suo capo) non ha più scuse: l’opportunità del cambiamento, di mettersi alla prova è a portata di mouse. E tutti quelli che si sono chiesti almeno una volta quanto valgono 20 minuti del proprio tempo,  consapevoli che googlare ogni domanda porta spesso solo risposte ottimizzate SEO, possono ora ritrovare il piacere di parlare con qualcuno che ne sa. E di fargli un sacco di domande.

Curioso di conoscere di più su /BeyondTheBox? Vieni a Heroes 2019 e incontra i founder di una delle aziende più innovative del nostro paese!